Keystone logo
Charles University Protestant Theological Faculty

Charles University Protestant Theological Faculty

Charles University Protestant Theological Faculty

introduzione

La Facoltà teologica protestante (originariamente nota come Facoltà teologica protestante cecoslovacca Hus ) è stata fondata a Praga il 28 aprile 1919. Prima della prima guerra mondiale, c'erano state molte restrizioni sui protestanti nelle terre ceche (che facevano parte dell'Austria cattolica al tempo) e i candidati al ministero dovevano andare a studiare a Vienna. Con l'istituzione del nuovo stato cecoslovacco dopo la guerra arrivò la piena libertà religiosa.

I protestanti riformati e luterani si unirono per formare la Chiesa evangelica dei fratelli cechi, e una delle sue prime azioni fu quella di istituire una Facoltà di teologia protestante per formare i suoi studenti di teologia e quelli di altre chiese. Nel primo anno della sua esistenza la Facoltà contava 14 studenti, ma presto questi crebbero a 78 nel 1923 ea 160 nel 1929. Le donne iniziarono a studiare alla Facoltà nel 1922; il loro numero aumentò notevolmente dopo che il Sinodo della Chiesa evangelica dei fratelli cechi decise di ordinare le donne al ministero nel 1953. Durante l'occupazione tedesca la Facoltà fu chiusa, insieme alla maggior parte degli altri istituti di istruzione superiore, ma riprese le sue attività quando il La seconda guerra mondiale era finita. Nel 1949-50 c'erano 230 studenti.

Nel 1950 lo stato comunista decise che la Facoltà doveva essere divisa in due scuole: la Facoltà teologica Hus per gli studenti della Chiesa cecoslovacca hussita e la Facoltà teologica protestante Comenius per gli studenti della Chiesa evangelica dei fratelli cechi e le chiese più piccole. Sotto i comunisti la Facoltà Comenius ha incontrato molte difficoltà e il numero degli studenti è sceso a meno di 100. Per la maggior parte degli anni Cinquanta e Sessanta il Preside è stato il principale teologo protestante ceco Josef Lukl Hromádka. Dopo la caduta del regime comunista nel 1989, si aprono nuove opportunità per la Facoltà Comenius. C'è stato un enorme aumento del numero di studenti. Nel 1990 la Facoltà Comenius è stata incorporata nell'Università Carlo e ribattezzata Facoltà teologica protestante. Nel 1995 si è trasferita in una sede più ampia nella sede attuale. Nel 2007-2008 la Facoltà contava circa 500 studenti e circa 25 docenti.

Sigillo di Facoltà e il suo simbolo

Pensa – Agisci – Parla: la teologia come sale

Alcune riflessioni sullo stemma della Facoltà

Pavel Filippi

Quando la Facoltà teologica protestante di Praga fu fondata nel 1919, i suoi fondatori dovettero affrontare un piccolo compito, oltre a molti altri più importanti: come rappresentare simbolicamente le tradizioni su cui stavano costruendo e gli obiettivi a cui miravano. Disegnarono quindi un nuovo stemma, che è ancora oggi utilizzato come sigillo della Facoltà.

Come intenderne il simbolismo?

Al centro di un disegno circolare vediamo un calice. Ciò simboleggia abbastanza chiaramente il legame con l'eredità della Riforma ceca, in particolare con la Riforma hussita, che ha reintrodotto la ricezione del calice da parte dei laici nelle celebrazioni della Cena del Signore. Nel 1417 l'intera Facoltà teologica dell'Università di Praga invocò la comunione sotto entrambi i generi, schierandosi dalla parte della rivoluzione e mettendo così a rischio la sua stessa esistenza: nel giro di un anno il Concilio di Costanza aveva ritirato la sua licenza all'insegnamento. Scegliendo questo simbolo, la nuova Facoltà ha dimostrato di essere impegnata nel calice (con tutto ciò che ciò potrebbe comportare) proprio come lo erano stati gli hussiti, e di rifiutare ogni tipo di clericalismo, compreso il clericalismo teologico.

Nella metà superiore del disegno tondo si leggono le parole latine: SAPERE, AGERE, LOQUI, che in inglese significa: pensare, agire, parlare. L'origine storica di questo motto risale a Jan Amos Komenský (Comenius), l'ultimo vescovo dell'antica Unità dei Fratelli. La scelta di questi termini e il modo in cui sono collegati tra loro può essere compresa senza ulteriori spiegazioni. La teologia che la nuova Facoltà vuole coltivare dovrebbe essere accademica, richiedendo una rigorosa disciplina intellettuale; dovrebbe essere pratico, portare all'azione; e, infine, dovrebbe basarsi sul dialogo, rifiutando ogni altro mezzo per trasmettere la verità al di fuori della Parola. L'ordine in cui sono posti i termini è forse sorprendente, con “parlare” al terzo posto, che costituisce il culmine del motto. Ma questa sorpresa scompare quando ricordiamo l'enorme importanza che la Riforma ceca attribuiva alla libertà della parola di Dio. Annunciare liberamente la Parola liberatrice è di per sé “la più libera delle azioni” (actus liberimus omnium) ed è capace di liberare il cristianesimo dalla sua prigionia babilonese. Ancora e ancora, anche in tempi di più grande oppressione, i cristiani protestanti cechi hanno sperimentato il fatto che “la Parola di Dio non è incatenata” (2 Tm 2,9), e che al contrario crea intorno a sé uno spazio di libertà di parola . Sulla scia di questa esperienza e tradizione, i fondatori della Facoltà si sono impegnati a erigere la Facoltà come rifugio della libertà di parola, radicata nella libertà della Parola di Dio.

Nella parte centrale dello stemma, a sinistra e a destra del calice, c'è un enigma sotto forma di due riferimenti alla Scrittura: Levitico 2:13 e Marco 9:49. In entrambi i passaggi si trova la parola “sale” (latino sal). La connessione tra il motto e le citazioni bibliche diventa chiara quando ci accorgiamo che le lettere iniziali delle tre parole del motto (Sapere, Agere, Loqui) formano insieme la parola latina SAL.

Ma che c'entrano la teologia e una facoltà teologica con il sale? Cosa ha portato i nostri predecessori, che hanno scelto il disegno dell'emblema, a selezionare questi due passaggi tra i tanti luoghi della Bibbia in cui si fa menzione del sale? Oggi possiamo solo immaginare l'esegesi che avevano in mente. Possiamo tuttavia essere ragionevolmente certi che la versione della citazione di Marco che avevano di fronte era quella che forse non è confermata dai manoscritti originali, ma si trova spesso nelle traduzioni riformate della Bibbia. Secondo questa versione, le parole di Gesù erano: "Ogni sacrificio sarà salato con sale". Ci colpisce il fatto che in entrambi i passaggi la parola “sale” sia strettamente legata al concetto di offerta sacrificale. Levitico 2:13 comanda: “Condirai con sale tutte le tue offerte di cereali. Non lasciare il sale dell'alleanza del tuo Dio dalle tue offerte di cereali. Aggiungi sale a tutte le tue offerte”.

La teologia come riferimento al sacrificio? I fondatori della Facoltà hanno voluto sottolineare che la Facoltà deve continuare a rivolgere la sua attenzione al centro del messaggio cristiano: il sacrificio di Cristo sulla croce? Forse. Ma forse avevano in mente qualcos'altro quando hanno disegnato l'emblema. Perché in entrambe le citazioni il sale è indicato come un ingrediente aggiuntivo che si dissolve e si disperde durante l'offerta sacrificale. E questa autodissoluzione e autodispersione è una delle funzioni fondamentali della teologia. Mettendo in discussione i propri istinti di autoconservazione, impegna tutto il suo pensiero, agire e parlare al servizio delle comunità sia cristiane che civili, le avverte e le protegge contro la corruzione dell'egoismo, e le incoraggia a servire disinteressatamente coloro che sono considerati di minor importanza in questo mondo. In questo modo la teologia può dare il suo contributo affinché la famiglia umana non perda la dimensione di abnegazione e di rinuncia volontaria, senza la quale non sono possibili né una vita dignitosa né una pacifica convivenza.

Posizioni

  • Protestant Theological Faculty Charles University in Prague Černá 9, P.O.Box 529 CZ-115 55 Praha 1 Czech Republic, , Prague

Domande